carabinieri di Termoli

Termoli/I carabinieri incastrano i borseggiatori della fiera mensile: in cella due lucani. Altre 2 persone denunciate per furto e ricettazione

image_pdfimage_print

carabinieri di Termoli

 Nel corso del  fine settimana, i Carabinieri della Compagnia di Temoli  sono entrati in azione per reprimere il deprecabile fenomeno dei reati contro il patrimonio.

Durante la nota fiera che si svolge in piazza del Papa il primo sabato del mese, i Carabinieri della Stazione di Termoli, nel corso di appositi servizi di carattere preventivo, hanno fermato e controllato un uomo e una donna, noti alle Forze dell’Ordine, entrambi sulla quarantina, provenienti dalla Basilicata, a seguito di alcune segnalazioni di furto pervenute nella Caserma di Via Brasile.

I due lucani, a seguito di tempestiva attività di perquisizione, venivano trovati in possesso di un portafogli sottratto illecitamente poco prima dalla borsa di una donna termolese.

L’attività di ricerca veniva estesa successivamente anche all’interno dell’auto con cui la coppia era giunta in Molise, rinvenendo, in tal modo, denaro in contante provento di altri furti consumati nella mattinata dalla coppia.

I due soggetti fermati venivano accompagnati in caserma dove venivano dichiarati in stato di arresto per poi essere associati presso le case circondariali di Larino e di Chieti. La refurtiva veniva prontamente restituita al legittimo proprietario.

Sempre durante il fine settimana, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia hanno denunciato in stato di libertà per ricettazione un trentenne termolese fermato a bordo di una moto rubata. Il mezzo, anche in questo caso, è stato riconsegnato al proprietario.

I Carabinieri del medesimo Reparto hanno, inoltre,  fermato e perquisito un giovane bulgaro, ventiquattrenne, che si aggirava a piedi nei pressi della stazione ferroviaria di Termoli. All’interno dello zainetto che portava in spalla, sono stati rinvenuti ben trentuno pomelli costituenti accessori di porte di ingresso di relative abitazioni, oggetto di furto. Anche nei confronti dello straniero è scattata la denuncia alla competente Autorità Giudiziaria.

Continua e si consolida, quindi, l’attività operativa degli uomini dell’Arma, resa possibile anche grazie al rapporto di fiducia e proficua collaborazione con i cittadini.

 

About Redazione

Redazione