Censis

Il Censis boccia l’Università del Molise. Il Rettore Palmieri:”Ho dubbi sulle sue classifiche”

image_pdfimage_print

Censis

Come ogni anno il Censis stila la classifica delle migliori università.  Per l’Unimol i risultati non sono stati affatto entusiasmanti, finita nella zona bassa della classifica, al penultimo posto con 77 su 100.  Peggio ha fatto solo l’Università del Sannio, mentre sul podio sono salite l’Univesrsità di Camerino, l’Ateneo di Foggia e quello di Cassino. I parametri da rispettare erano in particolare riferiti  alle strutture disponibili, ai  servizi erogati,  al livello di internazionalizzazione e la capacità di comunicazione.

“Abbiamo fondatissime ragioni per dubitare dell’affidabilità e della trasparenza della classifica delle Università italiane del Censis che, come ha anche evidenziato il Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università italiane (Crui), Gaetano Manfredi, non tiene conto della qualità della didattica e della ricerca”. Così, all’ANSA, il Rettore dell’Università del Molise, Gianmaria Palmieri, commenta i risultati dell’indagine condotta dal Censis sugli Atenei italiani che colloca l’Unimol nella parte bassa della classifica di quelli ‘piccoli’ con meno di 10 mila iscritti. “È come giudicare il livello di un ristorante senza considerare la qualità delle pietanza servite – dice – è semplicemente assurdo”. Poi aggiunge: “stiamo valutando di intraprendere iniziative in tutte le sedi, a tutela dell’immagine dell’Ateneo anche insieme ad altre università.     Paradossalmente, e lo dimostreremo, per Unimol questa collocazione rappresenta motivo di vanto perché attesta che il nostro impegno ha come stella polare legalità e trasparenza”.

Per vedere tutta la classifica:

http://www.censis.it/17?shadow_pubblicazione=120579

About Redazione

Redazione